compriamo un libro, facciamo vincere la cultura

10001370_676427549062582_1603319862_nLa libreria ha festeggiato insieme a Caffeina e, per quanto ci riguarda, ieri, la cultura, se proprio non ha vinto almeno si è divertita parecchio.
Les Bouquinistes aveva un doppio evento, il Flash Mob letterario e la presentazione di un nuovo romanzo, Amore dispari con la presenza dello scrittore Divier Nelli e del giornalista Maurizio Gori.
Sono intervenuti tanti amici che Sergio ed io abbiamo riempito di piccoli fiocchi bianchi, e tentato di fotografare, ma se non gradivano essere immortalati con l’acquisto appena fatto, facevamo le foto ai bellissimi libri che hanno comprato.
E così nel vitale e allegro caos di ieri, anche se qualche foto ci è scappata, abbiamo immortalato Viaggio al termine della notte di Celine, il primo libro ad essere venduto ad Alessio, la vecchia edizione di Pnin di Nabokov che Paolo si è orgogliosamente portato a casa, ma anche Come un romanzo di Pennac che Cristina “userà” per organizzare il suo intervento alla notte bianca della biblioteca San Giorgio. Serena, su un libro che costava tre euro – Dialogues de bêtes di Colette non voleva nemmeno lo sconto e così ne ha comprato un altro. Come se la soddisfazione di comprare un libro in francese a Pistoia, non fosse la stessa che abbiamo noi a venderlo! E Pietro con Le opere di Goethe e uno sguardo a furbo perché dalla sua libreria non ha voluto che comprassimo niente… ci arriverà in regalo l’ultimo uscito di Amelie Nothomb!1891051_676427615729242_481179664_n
E poi Divier Nelli – che alcuni dei presenti già conoscevano, erano venuti apposta per lui, altri invece no, si erano fermati richiamati dal flash mob – che si è fatto scoprire o riscoprire, parlando del suo ultimo libro ma anche di altri aspetti di sé, della sua scrittura e delle cose che fa. E poi non potevamo non parlare a lungo di Viareggio, sua città natale. Personalmente mi piace quando uno scrittore è anche la città dove è nato, una città di mare che la maggior parte delle persone scopre d’estate, ma che ha non pochi lati oscuri che anche Divier ha contribuito a svelare ambientando il suo primo giallo proprio a Viareggio, protagonista anche lei per la prima volta di un romanzo di questo tipo. E dei suoi studenti che frequentano i corsi di scrittura, della sua splendida idea di fare dei booktrailer sui classici… e chi ci aveva mai pensato?
Se avete un minuto andateli a vedere, sono splendidi: Sulla spiaggia e di là dal molo di Mario Tobino, una incredibile ricostruzione di Viareggio in 3 D utilizzando le foto dei primi del Novecento o I vageri di Lorenzo Viani con i suoi dipinti che prendono vita.
E poi abbiamo parlato del Birrificio degli Archi e della Matilda la birra stagionale che ospita appesa al suo collo, un piccolo racconto sempre di Divier, dove si parla ancora del mare, di Viareggio e della fatica di essere scrittori.
Della fatica di essere librai invece non posso dire niente. Sabato primo marzo per noi è stata solo gioia… grazie a chi ha condiviso con noi questa bellissima giornata!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...