Un reato letterario

cropped-bookpicNon siamo soliti dare notizie di stampa su questa pagina, ma un fatto di cronaca apparso oggi sul Quotidiano ci spinge a fare un’eccezione, con l’unica ragione che sembra essere coinvolto in questi fatti un illustre rappresentante della nostra categoria.

“La squadra mobile della nostra città ha tratto in arresto, nelle prime ore della giornata di ieri, il sedicente libraio V. M. di anni 42. A quanto si è potuto apprendere da fonti interne alla procura, l’accusa è di quelle che fanno accapponare la pelle: “esercizio abusivo della professione libraria”. L’uomo, infatti, un elegante signore che al momento della cattura indossava pantaloni in gabardine, una giacca sportiva ed un pullover color cachi con lo scollo a V, sopra ad una camicia di taglio “americano”, ha gestito per circa quattordici anni la Libreria da Aldo, senza averne alcun titolo. È grande lo sconcerto, misto a stupore, che la notizia ha prodotto nel quartiere dove veniva illegalmente condotta l’attività. Alcune madri, che spesso si sono trovate a chiedere al V.M. consigli di lettura per i loro figli, si sono dette molto preoccupate: «Mi domando come sia possibile – ha dichiarato indignata Franca U., una giovane donna, madre di sei figlie femmine – che venga tollerato un simile abuso in una città come la nostra. Siamo pronti ad accettare qualsiasi ingiustizia, anche il più orrendo dei soprusi, ma non possiamo permettere che vi sia chi specula sulla pelle dei nostri ragazzi.». Il V.M., si è appreso in queste ore, non è nuovo a questo tipo di reati essendo già noto agli investigatori per un episodio truffaldino verificatosi in passato. Pare infatti che già diciassette anni fa, il V.M. abbia tentato di farsi pubblicare un romanzo privo di solida trama e infarcito di concetti privi di costrutto. Secondo le notizie che filtrano dall’ambiente giudiziario, pare che l’uomo avesse tentato di dare alle stampe il libro sotto falso nome, da qui il mancato collegamento col libraio di via Ardghen.

8365cd20bc2c7f6fdb3d78a6a54b076aSembra che, pur non avendo i necessari requisiti previsti dalla legge, l’esercente fosse solito “consigliare” dei libri ai propri clienti. Gli affari, a quanto si apprende, negli ultimi mesi avevano segnato una leggera flessione, forse anche a causa della pressione che le forze dell’ordine avevano iniziato ad esercitare sull’uomo. «Da qualche tempo – racconta C.O., una giovane e graziosa lettrice di romanzi rosa – il sig. V. aveva iniziato a commettere alcune spiacevoli imprecisioni, sbagliando anche di parecchio i propri suggerimenti. A me, ad esempio, di recente ha segnalato un poderoso volume di economia». E non è la sola. Sentite cosa racconta ai nostri microfoni il poeta G.G., noto frequentatore della rivendita: «Se mi avessero chiesto un parere sul sig. V.M. una settimana fa, non avrei avuto alcuna remora nel definirlo uno dei migliori librai della città e forse anche della regione, ma quando sabato scorso mi ha offerto un libro scritto da un calciatore, dicendomi che faceva proprio al caso mio, mi sono reso conto che qualcosa non andava. E badi che non si trattava di uno scherzo, il sig. V.M. non scherzava mai. Neanche per scherzo, oserei dire.»

Poi l’epilogo: la libreria, dalle prime ore del mattino, è stata posta sotto sequestro dalle autorità. Com’è facile intuire la notizia ha provocato lo sconcerto tra i numerosi lettori e i curiosi che già intorno alle 9 si aggiravano nei pressi dell’esercizio commerciale in cerca di novità. Per il momento – ci informano dalla procura – non è dato sapere se e quando potrà riprendere l’attività e se questa verrà gestita dalla famiglia dell’arrestato o da un commissario straordinario, come già chiedono a gran voce alcuni consiglieri comunali dell’opposizione.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...