Incontro con Umberto Fiori

Martedì 25 ottobre alle 18 alla libreria indipendente Les Bouquinistes – via dei Cancellieri, 5 a Pistoia – per il ciclo “Il dolce rumore della vita”  promosso da Isole nel SapereGiuseppe Grattacaso e Matteo Pelliti incontrano Umberto Fiori per parlare delle sue poesie e della raccolta Poesie 1986 – 2014 pubblicato da Mondadori, 2014.
14695478_1211563885548943_726440082053970612_nPoesie 1986 – 2014 (Mondadori, 2014). “Per essere poeta” ha scritto Umberto Fiori “bisogna saper cantare”. Ma “chi canta perde tutte le bravure”: quelle tecniche, quei talenti che da sempre definiscono lo stile poetico e il suo scarto dal linguaggio comune. Per essere poeta, infatti, Fiori fa sua proprio la lingua senza asperità e senza artifici tipica della quotidianità. Eppure, per quanto (almeno apparentemente) piano, il suo stile rimane riconoscibile e memorabile attraverso l’intero arco della sua produzione, in cui ha saputo delineare un mondo compatto, ben identificabile, animato da una forte tensione morale. Lo testimoniano i versi qui raccolti: tutte le poesie pubblicate in volume, da “Case” (1986) a “Voi” (2009), a cui si aggiungono alcuni inediti. Ponendosi in una linea che da Montale arriva ai grandi lombardi del Novecento, Sereni e Raboni, Umberto Fiori dilata, “sporca” i confini del codice lirico e sceglie, come teatro per le sue poesie, un’ambientazione urbana, affollata di personaggi anonimi: passanti, taxisti, persone qualunque. Sono loro i protagonisti di apologhi esemplari capaci di illuminare, con un’inaspettata vena comica, i miracoli quotidiani che irrompono nella protettiva ma devitalizzante routine, spalancando così il mondo alla vita e illuminando l’ordinario di “una luce nuova, più vera”.
 
Umberto Fiori (Sarzana, 1949), vive a Milano dal 1954. Negli anni Settanta ha fatto parte degli Stormy Six, gruppo storico del rock italiano.
In seguito ha continuato a occuparsi di musica come autore di testi e come critico (Scrivere con la voce, Unicopli 2003). In prosa ha pubblicato una raccolta di saggi (La poesia è un fischio, Marcos y Marcos 2007), il romanzo La vera storia di Boy Bantàm (Feltrinelli 2007) e il Dialogo della creanza (LietoColle 2007). I suoi libri di poesia sono: Case (San Marco dei Giustiniani 1986), Esempi (Marcos y Marcos 1992), Chiarimenti (Marcos y Marcos 1995), Parlare al muro (Marcos y Marcos con immagini del pittore Marco Petrus, 1996), Tutti (Marcos y Marcos 1998) e La bella vista (Marcos y Marcos 2002). Per i tipi di Mondadori nel 2009 è stato pubblicato il suo ultimo libro di poesie, Voi e nel 2014 è uscito un volume che raccoglie tutti i testi editi, più degli inediti: Poesie 1986-2014.
La locandina è di Tirez sur le Graphiste
info: lesbouquinistes@libero.it oppure 0573 1780084 o 3287432522
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...