Dire, fare, partecipare

Si è appena conclusa la settima edizione del festival L’importanza di essere piccoli organizzato dall’associazione SassiScritti.

20645547_10211722120761259_3181075100328020566_oQuello che amo di questo festival è la sua apparente semplicità e la sua totale gratuità. L’incontro è organizzato ogni volta con una scenografia differente, scelta tra i bei borghi dell’Appennino Tosco-Emiliano. Per me che abito a Pistoia da poco più di un anno e che poco conosco la montagna sono stati una scoperta bellissima.

Se si arriva presto, dopo diversi tornanti, si incappa nelle prove. Si vede come tutto sia organizzato da pochi, con amore e passione. Con intuito e perseveranza.

Ne scrivo perché, come di tutte le cose belle, se non se ne ha cura, se non lo si accudisce, anche per questo festival potrebbe arrivare la fine. Succede spessissimo, purtroppo. Ed è incredibile che una manifestazione bellissima e intelligente come questa, dopo sette anni, non sia ancora al sicuro.

Per esserlo credo che abbia bisogno di ognuno di noi, di qualche piccolo investimento privato ma anche, e soprattutto, di un contributo pubblico, di un finanziamento che quest’anno, in buona parte e all’ultimo momento è mancato.

20543814_10211635116625796_7932224129599671412_oLa formula del festival è molto semplice. Di solito attacca il poeta – ha a disposizione una decina di minuti, forse qualcuno di più – per leggere alcune delle sue poesie. A lui la decisione se raccontare qualcosa sul testo, su sé oppure se leggere e basta. Dopo di lui, il cantautore, con più tempo a disposizione, inizia il concerto. Poi torna il poeta e infine ancora musica per chiudere. Lo spettacolo dura circa un’ora.

Sembra facile, vero? Non credo però che sia così facile da un punto di vista organizzativo e, considerato che lo spettacolo è completamente gratuito, credo che la parte più difficile sia proprio il reperimento dei fondi.

L’appuntamento è alle 21. Per raggiungere i borghi del festival ci vogliono (da Pistoia) di media quaranta minuti. È necessario perciò che chi arriva abbia la possibilità di trovare qualcosa da mangiare e da bere. Si chiede aiuto ai borghi scelti. A volte ci si organizza con la pro-loco, altre con un circolo (se non le avete mai assaggiate correte a Rasora per le loro crescentine!), altre ci si affida a un’associazione che si occupa del catering. E poi c’è la birra. La buonissima birra del Reno. Si cerca di rispettare le singole realtà, di dare spazio e importanza ai luoghi frequentati. Il festival è qualcosa che nasce sul territorio, per quel territorio. Che si modifica e si adatta ai luoghi che sceglie e che frequenta. Mai l’inverso. Sembra scontato eppure non lo è. La collaborazione è un bene prezioso.

Ogni sera bisogna allestire anche lo spazio per il pubblico. A volte ci sono le sedie, altre volte balle di fieno, sempre teli e cuscini. Siamo tutti insieme e tutti vicini ad ascoltare. Persone anziane, adulti, ragazzi e bimbi, spesso sotto gli alberi, sempre sotto le stelle.

20615928_10211642814738244_6072928757760983884_oSi è creata una comunità, la tribù dei piccoli, che segue il festival, lo appoggia e lo pubblicizza attraverso i social, condividendo quanto viene pubblicato dalla pagina ufficiale: le bellissime foto di Guido Mencari e la clip giornaliera di Pupillaquadra che permette di rivivere in pochi minuti ogni serata. Ma anche i singoli partecipanti pubblicano post riguardanti il festival con poesie, foto o una breve registrazione video di un momento vissuto.

Mi sono dilungata per cercare di far capire a chi non c’è mai stato come sia condividere una di queste sere.

Ecco perché mi sono innamorata dei Piccoli: mi riporta a un tempo in cui l’espressione “fare cultura” non esisteva nella teoria ma nella pratica e riguardava tutti, era accessibile a tutti. Mi  riporta alle favole dei nonni nel canto del focolare. Mi riporta a una comunità che si confronta e si parla, che condivide un momento bello e che ha voglia di trascorrere del tempo insieme, a prescindere dall’età. Mi ritrovo a chiacchierare con chi conosco pochissimo o a offrire passaggi in macchina a chi ancora non conosco. A partecipare con tanti amici a un improvvisato e ricchissimo pic-nic che avrebbe potuto sfamare mezzo festival. A incontrare il mio nipote diciassettenne insieme ad alcuni suoi compagni di classe perché li avevo incuriositi. A programmare ospitalità per l’anno prossimo per Valentina che da Pesaro quest’anno non ce l’ha fatta a raggiungerci e che peccato. Mi ritrovo a venire via dal festival con un libro di poesie anche se il poeta non mi ha fatto impazzire lì per lì. E poi a casa, leggendolo ad alta voce mi sono commossa e ho capito che non avevo capito proprio niente. Mi ritrovo a farmi prendere dal ritmo incessante di Murubutu che nemmeno sapevo chi fosse e che adesso mi piace tantissimo, e che ho ascoltato anche se in realtà ero lì per il poeta. Ma il bello è che tutti i ragazzi che erano lì per il rapper si sono trovati insieme a me a chiedere il bis a Andrea De Alberti, il poeta. Che scambio, vero?

Sono tornata a casa con un carico di bellezza, di gioia, di felicità stralunata e strampalata come le canzoni di Lucio Corsi, insieme a un gruppo di amici irriducibili che con me e Sergio hanno vissuto questo festival che ci ha reso più amici che mai.

Potrei scrivere e raccontare ancora e ancora di questi incontri nell’Appennino, su chi ho visto e su cosa ho scoperto. Ma non lo farò. Mi fermo qui. Perché il Festival, semplicemente, va vissuto. Ed è per questo che i Piccoli devono continuare a festeggiare nuovi compleanni e sempre nuove edizioni.

Se non l’ho spiegato bene, se chi legge non comprende quanto tutto questo sia importante, è solo colpa mia. Ma il consiglio resta sempre lo stesso: prendetevi del tempo, la prima settimana di agosto e andate a scoprire L’importanza di essere piccoli. E poi, e poi aspetto i vostri racconti.

 

Elena Zucconi

Annunci