Tempo senza scelte

Lunedì 23 gennaio alle 18 alla libreria indipendente Les Bouquinistes – via dei Cancellieri, 5 a Pistoia – per il ciclo di Il dolce rumore della vita promosso da Isole nel SaperePaolo Di Paolo ci racconterà del suo saggio, Tempo senza scelteEinaudi, 2016. Insieme all’autore, Giuseppe Grattacaso.

DIPAOLO-twitter.jpg

Tempo senza scelte, Einaudi 2016. Un uomo «sempre presente a sé stesso, sempre domatore, che non s’arresta di fronte a nulla», capace di agire con coscienza e di non arrendersi alle allucinazioni collettive. A questo tipo morale si riferiva il «giovane prodigioso» Piero Gobetti, in lotta con il suo tempo. Per esplorare lo spazio della scelta, del dubbio etico, della costruzione di sé come individui, questo libro interroga storie di esseri umani di fronte a un bivio. Giovani temerari nella realtà e nel mito, figure della filosofia e della grande letteratura alle prese con decisioni radicali, estremiste, e soprattutto durevoli. Dagli interrogativi di Kierkegaard al «no» perentorio di un personaggio di Melville, da un Benjamin pressato dall’orologio della Storia a un Calvino in cerca di una strada coerente, il corpo a corpo con la propria identità appare senza uscita. E oggi? L’identità «allargata» e «aggiornabile» si traduce in un desiderio di vivere su piú fronti insieme, perché scegliere davvero comporterebbe rischi e rinunce. Ma forse in ogni tempo c’è una via piú difficile e impervia, per arrivare a essere, come voleva Gobetti, «sé stessi dappertutto».

Paolo Di Paolo (1983) è autore dei romanzi Dove eravate tutti (2011, Premio Mondello), Mandami tanta vita(2013, finalista al Premio Strega, vincitore del Premio Salerno Libro d’Europa e del Premio Fiesole) e Una storia quasi solo d’amore (2016). Per Einaudi ha pubblicato Tempo senza scelte (Vele, 2016).

info: lesbouquinistes@libero.it oppure 3287432522

Annunci

Il nostro blog

Questo piccolo blog è stato seguito, quest’anno, più di quanto credevamo! Grazie alle persone amiche che lo hanno fatto e a quelle che lo faranno nel 2016!

Buon anno dalla libreria indipendente Les Bouquinistes e da Elena e Sergio (che siamo noi!)

Ecco un estratto:

Una metropolitana a New York trasporta 1 200 persone. Questo blog è stato visto circa 5.500 volte nel 2015. Se fosse una metropolitana di New York, ci vorrebbero circa 5 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Buon compleanno, Manga!

MANGANELLI-locandinaA4-a001Un dramma recitato dall’archetipo materno prima, e dalla fredda brevità coniugale poi, che ha suscitato un violento scompiglio organico, rendendo impossibili ulteriori relazioni, rapporti, vicinanze, se non nell’abuso di un sentimento oramai disfatto. Manganelli, di conseguenza, ha abbandonato il focolare domestico, definitivamente spento, e s’è diretto alla corte effimera dell’eternità, dov’era ubicata una donna secolare, equivoca, menzognera, tirannica: la letteratura. Ne aveva percepito il richiamo, bisognoso e al contempo disperato, la richiesta di soccorso immediato. Era stata maltrattata, fraintesa, speculata, reclusa nei giardini del senso, della storia e – soprattutto – del realismo piatto, della mimesi tesa meschinamente all’adulazione del lettore, affamato di riconoscersi nei racconti di chi cercava riconoscimenti. La letteratura era divenuta il “fascino indiscreto della borghesia”, perduta nella sterilità dei premi e delle lodi fittizie. Manganelli, coltissimo “giocoliere del linguaggio”, incline allo svelamento delle ombre e ad una sincera esposizione dei drammi, ha voluto dissacrare la vergogna ipocrita dei cosiddetti scrittori leggibili, ribadendo l’eroismo del suo “umile” corteggiamento.

Insieme a Lietta Manganelli, figlia del grande scrittore, con Paolo Albani, e con l’autore Giorgio Biferali, festeggeremo in libreria il compleanno del Manga.

Giorgio Biferali (Roma, 1988), dottorando di ricerca in italianistica presso Sapienza Università di Roma, si occupa prevalentemente di letteratura contemporanea. Dopo aver partecipato al programma di Radio Città Futura “Cartoline dal paese dei libri”, condotto da Antonio Debenedetti e Paolo di Paolo, adesso collabora con diverse riviste letterarie, tra le quali «L’Indice dei libri del mese», «Orlando» e «l’immaginazione»; questo è il suo primo libro.

La libreria, le amiche e Jane Austen

Un tè con Jane AustenSabato scorso, in libreria, abbiamo organizzato, insieme agli Amici della San Giorgio, un pomeriggio dedicato a Jane Austen – nata nel 1775. C’era la possibilità, per ogni intervenuto, di raccontare il proprio rapporto con questa scrittrice, di leggere qualche pagina tratta dal proprio romanzo preferito, di condividere qualche aneddoto scoperto da chi non si è fermato ai romanzi, ma che la curiosità ha spinto a letture più audaci, come le lettere, le varie biografie, i tanti ricordi pubblicati dai nipoti. Tutto questo sorseggiando del buon tè, scelto per l’occasione da un piccolo negozio pistoiese – Terre Lontane – che ci avrebbe tenuto compagnia tutto il pomeriggio.

Ciò che è avvenuto ci ha lasciato senza fiato.

Non c’era uno scrittore, né un esperto, solo la voglia di condividere la passione per una scrittrice, tutti insieme. Le partecipanti sono state numerose e attivissime. Non c’era una scaletta, non c’erano priorità. Solo Jane Austen, il tè, la propria tazza preferita (avevamo chiesto a tutti di portare la propria) e la voglia di stare insieme.

Tutto questo ci ha fatto riflettere e ci ha sorpreso… come se finalmente qualcosa andasse nella direzione giusta e avesse un senso! Ed è stato bello perché è stato “ingestibile” nel senso che si è gestito da solo. Chi voleva parlava, raccontava la propria esperienza personale con una lettura, specifica, con quella e non con un’altra.

Il gruppo di lettura degli Amici della San Giorgio aveva ripercorso tutti i romanzi di Jane Austen tempo fa, rileggendoli e dedicando alla fine del ciclo un’intera giornata a questa scrittrice straordinaria, condividendo emozioni e sensazioni. Ma mi sento di dire che la giornata in libreria, grazie anche a loro, in qualche modo, sia andata oltre.

La libreria si era rifatta il trucco: sedie disposte in modo che le persone non si dessero le spalle erano state sistemate intorno a tavolini riempiti di candele per creare un’atmosfera un po’ retrò, da salottino di altri tempi; a metà della stanza la postazione del tè, con zucchero e teiere e Veronica che sembrava una speziale… un tappeto era stato srotolato per l’occasione e la vetrina della libreria ospitava vecchie bellissime tazze, come quelle preziosissime e deliziose che ci ha portato Silvia, oppure nuove, ma decorate come quelle di Paola… un vecchio Orgoglio e pregiudizio la cui copertina invogliava adolescenti degli anni ’60, ma anche una copia piuttosto recente de I misteri di Udolpho di Ann Radcliffe che Jane Austen scimmiotta ne L’abbazia di Northanger e che Laura ha letto per una curiosità che qualcuno ha provocato quasi 200 anni fa.

Ed è iniziata la magia. La libreria si è riempita – di donne, questo è ovvio – di tutte le età, curiose di parlare e di sentir parlare di una scrittrice molto amata. Tra loro c’era chi l’aveva letta trent’anni fa, magari in lingua originale, ma anche chi l’ha scoperta da poco grazie ad un film visto per caso, ma che si è cercata tutti i suoi romanzi in una caccia al tesoro spasmodica ed emozionante. Anche a me viene il batticuore pensando all’emozione di quell’attimo unico e irripetibile di quando ci si accorge di essersi perdutamente innamorati di uno scrittore pur nella consapevolezza di non aver ancora terminato di leggere il suo primo romanzo.

Rifletto ancora sulla mancanza di uno scrittore in carne ed ossa, di un relatore, di un esperto, della mancanza di un ruolo stabilito tra chi parla e chi ascolta. C’era solo la presenza di lettori appassionati con la voglia di esprimere e condividere un’esperienza, un’emozione che sembra, a quanto si legge nei vari blog e sui giornali, la letteratura non sia più in grado di dare. E invece no!

Se ci penso ho ancora i brividi.

E allora non mi resta che ringraziare chi ha reso possibile questa bella esperienza. Tutte voi, che siete intervenute; Rossella alla quale ho chiesto di fare gli onori di “libreria” e Diana che ha proposto l’idea iniziale e ad entrambe per avermi accolto nel gruppo di lettura e come Amica, insieme a tutte loro, le Amiche della San Giorgio, Anna schietta e pratica che mi ha aiutato a riordinare, Sandra per il suo intervento, Caterina perché non è facile condividere un’emozione regalando collane fatte a mano, Simona perché quando parla sa rendere interessante qualsiasi cosa abbia da dire, Laura alla quale rubo l’idea della mia nuova suoneria per il cellulare (appena capisco come si fa, avrò la musica del primo ballo tra Mr Darcy ed Elisabeth) e Rita e tutte ma proprio tutte le altre.

Un ultimo doveroso accenno: una giornata tra donne e di donne con la partecipazione di alcuni uomini straordinari: Paolo, pasticcere divino, Emilio nella sua “toccata e fuga” ma che è rimasto finché altri impegni glielo hanno permesso, Paolo con il disegno di Jane Austen con in mano la sua tazza di tè e un fumetto che la prossima volta – perché ci sarà una prossima volta – riempiremo di post-it con frasi ispirate sul momento chissà, forse proprio dai fumi del tè.

Ed è il tè che, secondo me, ha dato alla giornata il suo ritmo calmo e riflessivo. Il tè non si ingurgita, nonostante i tempi moderni, ma si sorseggia, si degusta, si assapora lentamente perché è caldo e vuole i suoi tempi. Ed il pomeriggio è trascorso nello stesso modo, nella condivisione di tempo, esperienze, sensazioni e pensieri personali ognuna con la propria tazza di tè che tanto avrebbe avuto da raccontare, come regalo di compleanno, depredata dal servito materno, ereditata dalla nonna, con una data particolare incisa sopra, trovata in un mercatino dell’antiquariato, regalata dal fidanzato che poi è diventato marito e libraio preferito con il quale condivido la vita e tutte le mie passioni.

Il rabbino

«Quando il rito nuziale fu terminato, il rabbino sedette a riposarsi in poltrona. Poi uscì dalla stanza e guardò i tavoli, in lunga fila, che facevano il giro del cortile e traboccavano addirittura fuori dal portone, in Via dell’Ospedale.»

Racconti di Odessa, Isaak Babel’

Immagine