Incontro con Umberto Fiori

Martedì 25 ottobre alle 18 alla libreria indipendente Les Bouquinistes – via dei Cancellieri, 5 a Pistoia – per il ciclo “Il dolce rumore della vita”  promosso da Isole nel SapereGiuseppe Grattacaso e Matteo Pelliti incontrano Umberto Fiori per parlare delle sue poesie e della raccolta Poesie 1986 – 2014 pubblicato da Mondadori, 2014.
14695478_1211563885548943_726440082053970612_nPoesie 1986 – 2014 (Mondadori, 2014). “Per essere poeta” ha scritto Umberto Fiori “bisogna saper cantare”. Ma “chi canta perde tutte le bravure”: quelle tecniche, quei talenti che da sempre definiscono lo stile poetico e il suo scarto dal linguaggio comune. Per essere poeta, infatti, Fiori fa sua proprio la lingua senza asperità e senza artifici tipica della quotidianità. Eppure, per quanto (almeno apparentemente) piano, il suo stile rimane riconoscibile e memorabile attraverso l’intero arco della sua produzione, in cui ha saputo delineare un mondo compatto, ben identificabile, animato da una forte tensione morale. Lo testimoniano i versi qui raccolti: tutte le poesie pubblicate in volume, da “Case” (1986) a “Voi” (2009), a cui si aggiungono alcuni inediti. Ponendosi in una linea che da Montale arriva ai grandi lombardi del Novecento, Sereni e Raboni, Umberto Fiori dilata, “sporca” i confini del codice lirico e sceglie, come teatro per le sue poesie, un’ambientazione urbana, affollata di personaggi anonimi: passanti, taxisti, persone qualunque. Sono loro i protagonisti di apologhi esemplari capaci di illuminare, con un’inaspettata vena comica, i miracoli quotidiani che irrompono nella protettiva ma devitalizzante routine, spalancando così il mondo alla vita e illuminando l’ordinario di “una luce nuova, più vera”.
 
Umberto Fiori (Sarzana, 1949), vive a Milano dal 1954. Negli anni Settanta ha fatto parte degli Stormy Six, gruppo storico del rock italiano.
In seguito ha continuato a occuparsi di musica come autore di testi e come critico (Scrivere con la voce, Unicopli 2003). In prosa ha pubblicato una raccolta di saggi (La poesia è un fischio, Marcos y Marcos 2007), il romanzo La vera storia di Boy Bantàm (Feltrinelli 2007) e il Dialogo della creanza (LietoColle 2007). I suoi libri di poesia sono: Case (San Marco dei Giustiniani 1986), Esempi (Marcos y Marcos 1992), Chiarimenti (Marcos y Marcos 1995), Parlare al muro (Marcos y Marcos con immagini del pittore Marco Petrus, 1996), Tutti (Marcos y Marcos 1998) e La bella vista (Marcos y Marcos 2002). Per i tipi di Mondadori nel 2009 è stato pubblicato il suo ultimo libro di poesie, Voi e nel 2014 è uscito un volume che raccoglie tutti i testi editi, più degli inediti: Poesie 1986-2014.
La locandina è di Tirez sur le Graphiste
info: lesbouquinistes@libero.it oppure 0573 1780084 o 3287432522
Annunci

La storia siamo noi

E domani, domani alle 18, finalmente ci faremo sorprendere dalLo stesso vento di Valerio Aiolli (Voland, 2016).

cartolina-aiolli-1Mi è piaciuto il suo libro. Molto. La storia è una vicenda familiare. Tutti ne abbiamo una, simile o diversa, poco importa. Ma è facile riconoscersi in qualche particolare. Ce ne sono tante di situazioni, in questo romanzo, che permettono al lettore di simpatizzare con i vari personaggi. A me questa storia ha fatto pensare ai miei nonni e ai miei genitori, soprattutto quando la Storia, quella che finisce nei libri di scuola, intreccia le persone. Il fascismo, il nonno in guerra, la prigionia, i soldati americani… mia mamma bambina che non aveva mai visto un uomo di colore e che, ancora oggi, non può resistere al burro di arachidi che lei ha sempre chiamato marmellata di noccioline. Questi però sono i miei ricordi. Leggendo Lo stesso vento mi sono sorpresa a pensare che c’è una Storia che ho vissuto anch’io (assurdo! Non mi era mai venuto in mente), anche questa già finita nei libri scolastici: mi ricordo esattamente dov’ero e cosa facevo, quando il muro di Berlino fu attaccato con gioia. Mi ricordo anche di altre vicende con la stessa lucidità che si ha nel guardare una nostra fotografia del passato. Sembra trascorso poco tempo, ma le foto non mentono. Sono datate dall’abbigliamento, dalle acconciature… davvero ho avuto un periodo in cui portavo quella terribile permanente? Davvero indossavo quegli assurdi pantaloni? E allora mi ritrovo ammaliata dalla scrittura e dalla storia che  Valerio Aiolli racconta. E ripenso all’espediente iniziale del regalo sbagliato e me ne approprio… Quanti ne avrò mai ricevuti in tutta la mia vita?
Elena Zucconi
Valerio Aiolli sarà a Les Bouquinistes (via dei Cancellieri, 5 a Pistoia), sabato 22 ottobre alle 18. La locandina è di Tirez sur le Graphiste.
info: lesbouquiniste@libeo.it oppure 05731780084 o 3287432522

La casa

Oggi ha chiamato l’uomo dei traslochi: lunedì prossimo lasceremo questa casa dove abbiamo vissuto insieme per quasi vent’anni. Elena ed io venimmo ad abitarci appena sposati. Anzi, la prima notte la passammo proprio qui, in attesa di partire per un breve viaggio.

Ricordo che molti mesi prima avevamo comprato una bellissima lampada in vetro, che lei aveva conservato con cura, avvolgendola in carta velina. Avevamo deciso di metterla per la prima volta sul comodino quella sera. Non saprei dire esattamente come, forse perché non conoscevamo ancora questa casa tanto intimamente da poterci orientare al buio, ma al primo movimento notturno la lampada cadde frantumandosi in mille pezzi. Ci dispiacque, è ovvio, ma eravamo così felici e così stanchi per la giornata che non c’importò poi molto.

beneforti.jpgPassiamo questi ultimi giorni riempiendo scatole di differenti misure con oggetti che scoviamo ovunque e che non ricordavamo neppure di avere. Elena si occupa degli oggetti della cucina e io dei libri che sono molti e molto pesanti. Tutte le persone con cui parliamo del nostro trasloco (cambiare casa, l’ho scoperto adesso, è un atto pubblico, molto più di quanto credessi) ci invitano a fare pulizia delle cose inutili, a gettarci alle spalle quel che non ci sembra indispensabile. Per il momento abbiamo trovato solo cose inutili: pentole mai usate, sottobicchieri che riproducono vedute parigine (davvero abbiamo comprato qualcosa di così terribile?), libri mai letti, perché ne avevamo già troppi in attesa, cd che non ascoltiamo da almeno dieci anni. Eppure, non abbiamo ancora gettato nulla, salvo una copia di un vecchio contratto integrativo, ormai sorpassato. Ho scoperto che Elena ed io non siamo molto adatti a fare i pacchi: lei, mentre incarta coi vecchi numeri della Lettura i bicchieri del servito buono, regalatoci da qualche sua zia, si ferma a leggere le recensioni che per distrazione le sono sfuggite mesi fa. Io, invece, ritrovando un libro che ho amato particolarmente, non so resistere alla tentazione di rileggerne l’incipit. Poi raggiungo Elena in cucina: senti qui – le dico. Ed ecco che abbiamo trovato un pretesto per fermarci. Ora mi leggerà la recensione. L’ascolto, come lei ha fatto con me. Le pause si potrebbero moltiplicare all’infinito, ma non si può.

Domani è il giorno del trasloco. La nostra è stata una domenica molto pesante. Sono nervoso e anche Elena lo è. I gatti lo avvertono e si innervosiscono, quindi basta pochissimo per far saltare un equilibrio precario che si regge su di un filo invisibile, come quello di una canna da pesca che regge un pesce all’amo. Qui i pesci siamo noi e ogni tanto ci guardiamo e ci chiediamo chi ce l’abbia fatto fare di mettere in piedi tutto questo. Nell’ultima settimana abbiamo infilato la nostra vita in oltre sessanta scatoloni sui quali è scritta a lettere cubitali la parola “traslochi”.

Questo, che domani lasceremo, è il luogo testimone della storia di noi come coppia e degli ultimi vent’anni. È questo il luogo che ci ha visto felici ridere a crepapelle fino a star male, cantare, ballare, scherzare, ricevere la visita dei parenti e degli amici, notizie belle e bellissime. Questa è la casa dove ci hanno raggiunto le notizie che nessuno vorrebbe mai ricevere ma che nell’arco di un’esistenza a tutti possono arrivare. È questo il posto che ci ha visto piangere e sperare di essere solo un in un orribile sogno. È qui che abbiamo scoperto che la nostra coppia poteva reggere urti che da soli non saremmo stati in grado di sopportare. È tra queste mura che abbiamo scoperto, con sofferenza, che si può sopravvivere, nonostante tutto, a qualsiasi cosa.

Sono le cinque e siamo già in piedi, prima del suono della sveglia. Questo è il grande giorno. Il camion dei traslochi arriverà tra poco più di due ore, ma noi, intanto, dobbiamo portare i gatti nella nuova casa. Come avevamo immaginato, quella che si mette in scena è una vera tragedia: Harpo, mestamente entra nella sua gabbietta come un uomo che si presenti rassegnato davanti al plotone di esecuzione: è evidente che ha capito tutto; Cannella, che di solito è la più paurosa, è paradossalmente la più tranquilla. Si lascia prendere da Elena che la infila velocemente nel trasportino. Smusci tenta di ribellarsi, come può, ma la vera mattanza è rimandata al finale. Perec si agita come un pesce mentre lei lo tiene per la collottola. Infilarlo dentro sembra impossibile. Salta, si agita, graffia le mani di Elena il cui volto si riga di lacrime per il dolore fisico ed emotivo. Anche Perec ha capito, ma non vuole arrendersi e combatte fino alla fine. Fino a che anche su di lui si chiude l’inferriata di quel piccolo carcere d’isolamento. Le mani di Elena sono graffiate e sporche di sangue ma non c’è tempo. Un cerotto e siamo costretti a partire. Il viaggio è struggente, con Harpo che sembra implorarci di liberarlo e noi che cerchiamo di consolarlo. Finalmente arriviamo a Pistoia. Scarico il mio bagaglio familiare e corro a quella che oramai è la nostra vecchia casa. Alle 7,30 arrivano i traslocatori.

Tutto si svolge velocemente, in maniera pulita. I mobili vengono smontati, le scatole che abbiamo preparato vengono caricate con cura, ma celermente, sui camion che le dovranno portare verso la loro nuova destinazione. Tutto, in senso inverso, come un nastro che si riavvolge, si ripeterà più tardi, nella nostra nuova città, dai camion alla casa. Lentamente ci riappropriamo delle cose e dei mobili intorno ai quali abbiamo costruito e vissuto la nostra esistenza. Una nuova casa ci accoglie, ci attendono, con lei, nuove relazioni, un nuovo pezzo della nostra vita. Insieme e con i gatti cominciamo a perlustrare nuovi territori.

Sergio Salabelle

 

Voglio ringraziare il Maestro e amico Paolo Beneforti per avermi permesso di usare La finestra a specchio, una sua opera che amo molto, per illustrare questo breve racconto

Il grande regno dell’emergenza

Oggi pomeriggio, alle 18.30, ospitiamo in libreria Alessandro Raveggi e il suo libro di racconti Il grande regno dell’emergenza (LiberAria, 2016). A parlarne con lui ci saranno due amici, Martino Baldi e Roberto Gerace.  Se vi state domandando perché dovreste venire in libreria a incontrare questi tre signori,  ecco cosa scrive, recensendolo, The Buzzing Page, blogger e pure lei amica: «Non solo perché ti passano davanti situazioni così reali da sembrare paradossali e così surreali dall’apparire addirittura banali, non solo perché certe frasi ti arrivano come un pugno nel costato, non solo perché c’è dell’ironia pungente ma anche dolcissima, ma anche perché la lingua è utilizzata in maniera studiata e sapiente, si vede insomma che Alessandro Raveggi sa scrivere, ed è uno scrittore che proprio ti carica, che ti galvanizza.» Credo che Beatrice abbia colto alla perfezione, con questa frase che mi piace molto, la scrittura e la cifra di Raveggi. Una scrittura fatta di tempi velocissimi a volte, più lenta e cadenzata altre, che stordisce il lettore creando uno strano senso di attesa. I racconti di Alessandro Raveggi, sia i più autobiografici (che secondo me si lasciano dietro una traccia diversa, non voglio dire migliore, ma più vicina sicuramente alla mia sensibilità di lettrice, forse proprio perché attingono dalla vita vissuta) che quelli più surreali, hanno una dolcezza che sconfina nella disperazione, in un senso di impossibilità e di impotenza. Si ironizza e si esaspera. Si soffre un po’ leggendo questi racconti. Ma soffrire un po’ a volte è necessario.

RAVEGGI-twitter.jpg

La locandina è di Tirez sur le Graphiste